FAQ - Dental Q
15817
page-template-default,page,page-id-15817,page-child,parent-pageid-15480,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

DOMANDE FREQUENTI

Quali sono i pazienti che possono affrontare l’intervento?

Tutti i pazienti possono accedere a questo trattamento, a condizione che abbiano terminato lo sviluppo e che non abbiano patologie sistemiche gravi. Le controindicazioni mediche assolute al posizionamento degli impianti sono poche e il rischio di infezione attorno a un impianto osteointegrato è scarso.

Esiste rigetto in implantologia?

Il rigetto non esiste in quanto il materiale utilizzato in implantologia è biocompatibile e quindi non viene riconosciuto come corpo estraneo dal nostro organismo.

Quanto dura l’intervento?

Dipende strettamente dalla complessità dell’intervento. Varia da pochi minuti per un impianto singolo in presenza di un volume osseo sufficiente ad un’ora e piu’ per arcata completa.

Quando non c’è l’osso si possono mettere gli impianti?

La gran parte delle perdite di volume osseo possono essere compensate con il grande rialzo del seno mascellare e gli incrementi ossei. Chiaramente i tempi della fase di rigenerazione allungano i tempi della riabilitazione.

L’intervento è doloroso?

Assolutamente no, il paziente viene adeguatamente anestetizzato con anestesia locale o con sedazione cosciente.

Gli impianti hanno sempre successo?

Gli impianti hanno un’elevata percentuale di successo nell’ordine del 98% e hanno una durata di 10 anni. Il fumo riduce le percentuali di successo a medio e lungo termine. Molto dipende anche dalle caratteristiche ossee, dalla gestione igienica quotidiana eseguita dal paziente e dai regolari controlli professionali eseguiti che sono comunque necessari anche per gli elementi naturali (denti).

Di quali materiali è realizzabile la protesi su impianti?

Le protesi su impianti sono composte da una struttura di supporto e da corone. Le strutture possono essere in cromo-cobalto, zirconia oppure in titanio e non c’è nessuna differenza sostanziale tra i materiali. La differenza esiste invece sui denti che vengono montati su queste strutture.
I denti possono essere in resina (meno resistenti al tempo e hanno bisogno di più manutenzione) o in compositi di ultima generazione, in ceramiche oppure in zirconia.

Quali sono i vantaggi di Invisalign®?

Gli aligner Invisalign® sono quasi invisibili e difficilmente qualcuno noterà che li stai indossando, inoltre sono rimovibili. A differenza degli apparecchi metallici fissi, con Invisalign® avrai la possibilità di mangiare e bere ciò che desideri durante il trattamento, togliendo semplicemente gli aligner.

Come funziona Invisalign®?

Gli aligner Invisalign® allineano i denti attraverso movimenti graduali e controllati. Diversamente dagli apparecchi tradizionali, Invisalign® non solo controlla l’entità del movimento per ciascun aligner, ma anche i tempi.
Di conseguenza, per ciascuna fase, solo alcuni denti dovranno spostarsi, come definito dal piano di trattamento Invisalign® per quella determinata fase. Il risultato è un sistema di forze efficace, che sposta i denti nella posizione desiderata e prescritta.

Con quale materiale sono realizzati gli aligner?

Gli aligner, praticamente invisibili, sono realizzati con un resistente materiale termoplastico per uso medico sviluppato appositamente per il sistema Invisalign®. Gli aligner sono realizzati su misura per te e si adattano perfettamente ai tuoi denti.

Quanto dura il trattamento Invisalign®?

La durata totale dipende dalla complessità del trattamento e generalmente equivale a quella degli apparecchi tradizionali. In genere un trattamento può durare dai 9 ai 18 mesi. Durante il consulto, lo specialista Invisalign® potrà fornirti informazioni più dettagliate.

Il trattamento Invisalign® è doloroso?

Alcune persone potrebbero lamentare un lieve disagio temporaneo per qualche giorno all’inizio di ogni nuova fase del trattamento, quando viene indossato un nuovo aligner. Si tratta di una condizione normale, che viene solitamente descritta come una sensazione di pressione: è segno che gli aligner stanno funzionando e stanno spostando gradualmente i denti verso il risultato finale. Il fastidio sparisce in genere nel giro di un paio di giorni.

Quando devo indossare gli aligner?

Gli aligner dovrebbero essere sempre indossati durante il trattamento e dovrebbero essere rimossi solo per mangiare, lavarsi i denti e passare il filo interdentale.

Posso evitare l'impronta tradizionale?

Con lo scanner digitale è possibile evitare l’impronta tradizionale e realizzare direttamente, tramite l’acquisizione digitale dell’impronta della bozza, dei modelli in 3 dimensioni sui quali è subito possibile effettuare una simulazione di trattamento che permette di capire subito il risultato del trattamento proposto.

Contattaci per maggiori informazioni

Contattaci per maggiori informazioni

"Dichiaro di aver letto l'informativa privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi degli articoli 13-14 del GDPR 2016/679."
AcconsentoNon acconsento al trattamento dei miei dati personali per l'invio tramite sms e/o e-mail di comunicazioni informative e promozionali, nonché newsletter da parte dello Studio Dental Q in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate.

WhatsApp chat